• Contatti
  • Cerca
  • Cerca
  • Contatti
Cerca
Che cos’è una laringectomia?

La laringectomia totale è una procedura chirurgica che viene eseguita in caso di cancro in stato avanzato della laringe o in sua prossimità. La laringectomia totale può essere un’esperienza traumatizzante, ma è importante non sentirsi soli. Più di 100.000 persone in tutto il mondo sono state sottoposte allo stesso intervento, ed è possibile tornare ad avere una buona qualità di vita.

La laringectomia totale è un intervento durante il quale la scatola vocale, chiamata laringe, viene asportata. Dopo la laringectomia la respirazione avviene attraverso un’apertura nel collo, non più attraverso il naso e la bocca.

Si tratta di un evento che cambia la propria esistenza, ma dopo la laringectomia totale è comunque possibile tornare ad avere una buona qualità di vita. La tosse può essere ridotta al minimo ed è possibile tornare a parlare di nuovo e percepire nuovamente profumi e sapori.

 

Le conseguenze

La laringe svolge vari ruoli importanti: è la sede delle corde vocali che fanno risuonare la nostra voce e contribuisce alla respirazione e alla deglutizione, pertanto la rimozione della laringe comporta non solo cambiamenti della voce ma anche della respirazione, della deglutizione e dell’olfatto, per citare alcuni esempi.

 

La tua nuova voce

La voce esprime i nostri pensieri e sentimenti ed è effettivamente un grosso componente della nostra identità. La perdita della propria voce naturale può avere un impatto significativo sulla propria abilità di comunicare, ma è importante non disperare, perché esistono diversi nuovi modi per recuperare la propria voce. Dopo l’intervento, molto probabilmente lavorerai con un logopedista che ti insegnerà a parlare di nuovo.

Sostanzialmente dopo l’intervento è possibile apprendere tre metodi fonatori: la fonazione esofagea, tramite laringofono e la fonazione tracheoesofagea.

La fonazione tracheoesofagea è il metodo di fonazione più comune ed è considerato quello che dà risultati migliori. Tale metodo crea una voce che risulta più naturale, fluida e facile da comprendere.

Per la fonazione tracheoesofagea (fonazione TE), viene posizionata una protesi vocale in una piccola apertura tra le vie aeree e l’esofago.

Questa tecnica può spesso essere appresa abbastanza rapidamente dopo l’intervento ed è relativamente facile da imparare.

Può inoltre essere fornito un dispositivo elettronico, denominato laringofono, un dispositivo che viene posizionato sul collo e genera un suono elettronico che funge da voce tramite la pressione di un pulsante.

Un altra possibilità di apprendimento è la fonazione esofagea. Questo tipo di fonazione richiede di comprimere piccole quantità d’aria dalla bocca nell’esofago e quindi di eruttarle.

Le funzioni del naso

Il naso non svolge solo una funzione olfattiva: esso riscalda, umidifica e filtra l’aria che respiriamo. In tal modo, quando l’aria raggiunge le vie aeree inferiori ha una temperatura pari a quella corporea e contiene il livello di umidità necessario per il corretto funzionamento dei polmoni. Dopo l’operazione respirerai tramite lo stoma nel collo, pertanto tali funzioni del naso non verranno più utilizzate. La respirazione attraverso uno stoma aperto causa un calo della temperatura e dell’umidità nei polmoni, al quale essi reagiscono producendo più muco. Ciò comporta una tosse più frequente (come quando si ha un raffreddore) ed una sensazione di irritazione alle vie aeree.

Gli scambiatori di calore e umidità (Heat and Moisture Exchanger, HME) come Provox XtraHME sono stati sviluppati per compensare le funzioni del naso e contribuiscono a ristabilire l’equilibrio “climatico” dei polmoni. Tali dispositivi vengono indossati giorno e notte davanti allo stoma e contribuiscono a mantenere il calore e l’umidità dell’aria che viene inspirata. In questo modo la produzione di muco si normalizza e la tosse diminuisce. Gli HME sono molto importanti ed inoltre facilitano la chiusura dello stoma durante la fonazione

 

Vuoi saperne di più sui dispositivi scambiatori di calore ed umidità Provox XtraFlow HME e Provox XtraMoist HME?

L’olfatto dopo la laringectomia

L’altra funzione importante del naso è che ci consente di percepire gli odori. Dopo l’intervento la respirazione non avviene più attraverso il naso, e pertanto gli odori non vengono più percepiti automaticamente come prima. Tuttavia è possibile imparare a usare una tecnica speciale, denominata NAIM (Nasal Airflow Inducing Maneuver), ovvero una manovra che induce il flusso aereo nel naso, per far entrare aria nel naso ed in tal modo percepire gli odori.

 

La libertà della fonazione a mani libere

Negli anni passati, la fonazione a mani libere è stata una delle aree di sviluppo fondamentali. Sono stati sviluppati dispositivi speciali e dispositivi di fissaggio che permettono di usare protesi vocali senza dover occludere lo stoma manualmente.